collaboratori esterni-chat

Come realizzare un team compatto (dicendo addio alle mail)

Pubblicato da:

Le mail: una comunicazione infinita

A volte, per portare a termine al meglio alcuni progetti aziendali, diventa necessario coinvolgere collaboratori esterni in grado di apportare nuove competenze all’interno del team.
Operazioni di questo tipo sono utili quanto difficili da gestire: un unico progetto, diversi operatori impegnati nell’attività, molti collaboratori esterni.

Un’azienda impiegata nel settore turistico si è trovata in una situazione simile quando ha dovuto affrontare un importante cambiamento nel campo della comunicazione e del marketing. Ben presto, l’intera squadra coinvolta nel processo si è messa all’opera avviando un lunghissimo e confuso scambio di mail.

schermata generale chat

I tempi della comunicazione erano lentissimi e le incomprensioni frequenti tra mail non lette, mail non inviate, allegati non scaricati e mail inoltrate. Insomma, all’azienda è apparso subito chiaro di dover trovare una soluzione alternativa a quella inefficace valanga di mail.

Garantire privacy e massima collaborazione con la chat di MyNet

E quale strumento migliore della Chat dell’App aziendale MyNet? Questa, infatti, elimina la necessità di richiedere i contatti personali dei collaboratori garantendo così massima privacy. Molti di questi, in effetti, erano poco propensi a condividere il proprio numero telefonico privato. Dal Back Office è stato così possibile creare una chat dedicata al progetto direttamente all’interno dell’App aziendale. Coinvolgendo in questo gruppo di conversazione tutti i partecipanti all’attività, l’azienda ha garantito uno spazio unico in cui dialogare in sicurezza e con la velocità tipica della messaggistica istantanea.

Presentazione video ChatIl video di presentazione

Il responsabile dell’ufficio comunicazione interno all’azienda, il grafico e l’agenzia di comunicazione web esterna hanno trovato così il “luogo” virtuale ideale in cui riunirsi e condividere non solo messaggi testuali ma anche note audio, immagini e quant’altro potesse rivelarsi utile al progetto. I tempi della comunicazione si sono più che dimezzati rispetto a quelli tipici dello scambio di mail.

Questo articolo è stato scritto da

Manuele Ceschia