Car sharing e team building

Un'attività di team building con auto e quiz

Pubblicato da:

Car Sharing: solo un modo di condividere i passaggi da e per la sede di lavoro?

Una PMI alimentare, nel corso dell’organizzazione della propria partecipazione ad un evento, aveva deciso di sfruttare la velocità e la semplicità del modulo Chat della propria App MyNet per creare una conversazione di gruppo con tutti  i dipendenti che avrebbero fatto parte della squadra.

Proprio in quella chat, mentre si studiava il tragitto migliore, un dipendente ha proposto di usare Car sharing per organizzare al meglio le auto con cui raggiungere la sede dell’evento. Fino a quel momento, l’azienda aveva considerato il modulo utile a gestire gli spostamenti da e per il luogo di lavoro ma quella richiesta ha portato alla luce un’idea davvero simpatica: creare un’attività di team building divertente usando proprio il modulo Car sharing.

team building- Car Sharing

Team building e Car sharing: la coppia perfetta per una giornata di risate!

Come? Organizzando una speciale gita fuori porta con le auto in cui i partecipanti, divisi in squadre da 4 componenti, si dovevano preparare a…”brevi” contrattempi. Ebbene sì, il modulo Car sharing ha chiarito il numero di auto disponibili e permesso di organizzare al meglio i passeggeri che hanno poi scoperto che l’arrivo alla meta non sarebbe stato affatto così semplice. Una serie di tappe obbligatorie li avrebbe costretti a rispondere ad un breve quiz. Meglio che la squadra collabori al meglio perché chi sbaglia…rimane fermo 5 minuti per ogni domanda scorretta.

car sharing

Il video di presentazione

Tutti si sono divertiti e le risate hanno raggiunto il culmine quando alla meta prestabilita è finalmente arrivata “la macchina dello scandalo”, così come i dipendenti hanno chiamato l’auto che per ultima è riuscita a terminare il viaggio. Insomma, l’obiettivo dell’azienda di creare un bel momento di condivisione è stato raggiunto con successo. Su richiesta dei dipendenti, pare proprio che “Il quiz in viaggio” diventerà un’attività annuale.

Questo articolo è stato scritto da

Federico Carducci